La Mindfulness sul lavoro

La Mindfulness sul lavoro

La Mindfulness per lavorare meglio

L’aspetto lavorativo non è sicuramente il motivo principale per cui ho deciso di partecipare ad un corso di Mindfulness, ma di riflesso questo mondo porta non pochi benefici anche nella nostra professione.

Cos’è la Mindfulness?

La mindfulness nasce da un intuizione di Jon Kabat-Zinn per “sconfiggere lo stress, il dolore, l’ansia e la malattia con la saggezza di corpo e mente (per citare la copertina di uno dei suoi libri più rappresentativi: VIVERE MOMENTO PER MOMENTO)

la Mindfulness si ispira alla pratica di meditazione sviluppata a partire dai precetti del buddhismo ed è volta a portare l’attenzione del soggetto in maniera non giudicante verso il momento presente.

Vivere l’attimo quindi, mantenendo alta la concentrazione e la mente sempre lucida. Grazie alla consapevolezza la nostra attenzione è completamente rivolta a ciò che stiamo facendo, migliorando così la qualità del nostro operato.

Che relazione c’è tra la mindfulness e la meditazione?

La mindfulness deriva dalla meditazione zen, una delle principali tradizioni meditative del buddhismo classico, e consiste proprio nel proporre la pratica della meditazione in contesti quotidiani. In sintesi un approccio che possa aiutarci a metterci in una diversa relazione col disagio, che prima o dopo, in un modo o nell’altro, tutti sperimentiamo.

Non è una tecnica di rilassamento, né un modo per svuotare la mente e raggiungere il “vuoto”. Non è una modalità per garantirsi un facile benessere psicofisico e nemmeno una sorta di “spa emozionale”.
E’ invece una forma di meditazione adattata all’utente occidentale, che può quindi sperimentare un nuovo modo di affrontare la vita, contrastando stress e ansia.

Il protocollo mindfulness based stress reduction

Il protocollo MBSR (Metodo per la riduzione dello Stress basato sulla consapevolezza) prevede 8 incontri a cadenza settimanale, un percorso emozionante che di volta in volta ci spinge ad un livello sempre più alto di consapevolezza attraverso la pratica delle meditazione ma anche attraverso il confronto con gli altri ed una serie di “esercizi” da svolgere in autonomia durante la settimana.

Quali vantaggi apporta la mindfulness nel contesto professionale?

1. Più concentrazione
2. Mente aperta per le nuove idee
3. Ascolti meglio e comunichi in maniera più efficace
4. Gestisci le tue emozioni
5. Più memoria
6. Più empatia

Stress, incapacità di mantenere l’attenzione e di prestare ascolto, distrazioni continue, fino ad ansia e depressione. È la sindrome del lavoratore moderno, frammentato tra compiti spesso molto diversi tra loro e in mole troppo alta da portare a termine. Tra gli effetti della mindfulness segnalo: migliorare la concentrazione, favorire la produttività, il pensiero creativo e la comunicazione efficace.

Conclusione:

Ritengo che la mindfulness sia uno “strumento” eccezionale per miglioare il controllo dell’ansia e riportare l’attenzione su noi stessi e sulle nostre emozioni, ma sarebbe molto sbagliato credere di poterla sfruttare con l’unico scopo di migliorare la produttivà.

La mindfulness richiede di fatto un cambio di prospettiva rispetto alla vita, che non avviene con uno sforzo ma semplicemente “accade” man mano che si porta avanti la pratica.

Durante il percorso ci renderemo conto di come il nostro approcio alle emozioni sia limitato e questo non farà altro che migliorarci sotto ogni aspetto del quotidiano, compreso (di conseguenza) quello professionale.

Negli Stati Uniti sta trovando ampio spazio nei luoghi di lavoro, come antidoto allo stress. Recentemente, Kabat-Zinn ha tenuto una serie di lezioni ai dipendenti di Google. L’azienda americana ha capito che per migliorare le condizioni di lavoro e per motivare i dipendenti, non serve agire solo sul contesto, ma anche e soprattutto sulle persone.

Dove?

Per partecipare al corso di mindfulness a cui ho preso parte anch’io potete visitare il sito www.mindfulnesslecco.it
Il corso si tiene nel cuore della città di Lecco presso il Centro ConsapevolMENTE in Via Mascari 65

“La Mindfulness e il lavoro” è un articolo scritto prendendo spunto dal libro di Jon Kabat-Zinn dal titolo “Vivere momento per momento”. Se ti interessa conoscere la mia preparazione professionale oltre al corso di mindfulness vai alla pagina Chi sono

“Non puoi fermare le onde, ma puoi imparare a padroneggiare il surf”

 

Comments are closed